Quanto tiene un tassello? Ecco i test! - SlackNerd!


Visto che Ryan Jenks non era contento di aver costruito solo una macchina per rompere Linelocks, fettucce, ecc. ha deciso anche di costruirne una per rompere i tasselli e vedere quanto sono sicuri gli ancoraggi. Ecco i risultati dei test!

Col suo nuovo giocattolo Ryan si è messo in testa di testare più tasselli possibile, di ogni genere, tipologia e dimensione, in modo da offrire una ampia panoramica riguardo la loro tenuta. Inoltre, promette di testarli in vari tipi di roccia, per fare un confronto finale il più simile possibile alle circostanze reali in cui vengono utilizzati.
I primi test sono eseguiti tutti nel calcestruzzo in un laboratorio improvvisato nel giardino di casa, ma i risultati sono comunque assai interessanti. Abbiamo analizzato e riassunto i dati di 5 video per raccontarveli e commentarli insieme.

Nel primo video (di prova) viene rotto un tassello da 12 mm marca Redheads in acciaio zincato con piastrina tirata ad estrazione e successivamente un tassello dewalt in acciaio inox di alta qualità. Il primo tassello si rompe solo a 10kN, mentre il secondo raggiunge la bellezza di 43 kN!
A nostro avviso però, il primo test è poco affidabile, poiché il dado non era avvitato completamente e infatti ha ceduto la filettatura.



Nel secondo video invece vengono testati dei fittoni resinati da noi poco usati (modello AC 100). Si deformano molto presto - 5kN - e fuoriescono dalla resina a circa 20kN. 
Abbiamo trovato nettamente più interessante un altro video in cui gli stessi tasselli vengono testati in estrazione resinati in buchi sporchi, in cui la polvere non è stata soffiata via. Il dato rilevante è che i risultati sono praticamente analoghi, raggiungendo carichi di fallimento fino a 22, 24 o addirittura 30 kN. Sebbene un solo test sia assolutamente insufficiente per trarre la conclusione che “pulire il foro non serve”, è sicuramente interessante vedere che il risultato non sia drasticamente diverso in termini di carico di rottura (in realtà il tassello non cede, ma fuoriesce dalla resina).

Tutti questi test inoltre sono stati raggiunti utilizzando resina vinilestere, che è ottima ma non quanto la resina epossidica. Questa potrebbe dunque dare risultati finali verosimilmente ancora migliori. In un successivo video infatti viene testato un fittone FIXE (con saldatura) da 10mm di spessore, fissato con resina epossidica. Sebbene questo sia certificato per 35kN, nei test eseguiti di taglio sono stati raggiunti 55, 60 e 50 kN (Nei test eseguiti di taglio con ac100 e resina vinilestere Ryan afferma di aver raggiunto 39, 31 e 44 kN). In tutti i test ha ceduto la resina facendo piegare e fuoriuscire il tassello (con anche conseguente rottura nel secondo test).

Un comportamento simile è stato ottenuto nei test sui tasselli forgiati FIXE, sempre da 10mm e fissati con la stessa resina epossidica Hilti. Questi tasselli tuttavia hanno raggiungo “solo” i 30, 29.8 e 27.7 kN. Sebbene siano sicuramente valori molto alti, si tratta comunque di risultati al di sopra del carico di rottura certificato che in questi tasselli è di 28kN (video QUI).

Dunque, che conclusioni possiamo estrapolare riguardo questi test?
Innanzitutto dobbiamo ricordarci che non possiamo trarre conclusioni scientifiche; i dati che vengono collezionati in questi video non sono da considerarsi come validi universalmente poiché questi test, per quanto attentamente eseguiti, sono pur sempre eseguiti artigianalmente in un contesto casalingo. Emergono tuttavia delle considerazioni interessanti: la prima cosa che salta all'occhio è che tutti questi valori sono altissimi. Sulla carta basterebbe un solo chiodo per tenere tutto il carico di una singola highline.


Come mai dunque mettiamo 3, 4 o talvolta anche 5 chiodi per ogni ancoraggio?
I motivi sono 2. Innanzitutto per il concetto di ridondanza, cioè per avere sempre un backup: se qualcosa va storto, se qualcosa si rompe, se accade un imprevisto, abbiamo sempre un chiodo in più che ci salva. Secondo, perché su roccia le condizioni sono sono così controllabili come nei test: non possiamo sapere con certezza se la roccia è tutta uniforme o ci sono crepe, zone più deboli, ecc e non possiamo controllare gli elementi nel tempo (ruggine, acqua che ghiacciando rompe o indebolisce la roccia, ecc). 

Un'altra cosa che possiamo vedere da questi video è che tutti questi risultati con valori molto alti sono stati ottenuti nel cemento. È dunque molto probabile che i test eseguiti nella roccia potranno darci valori ancora migliori. Resta dunque da attendere tutti i futuri test che Ryan ci promette senza dimenticare di ringraziare questo ragazzo per la passione che ci mette nell'aiutare tutta la community!

                                                                                                                                       Sirio


Video Credits: How Not To Highline: Youtube Channel - Facebook page

Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti per questo post.

Lascia i tuoi commenti

Stai commentando come ospite. Registrati o effettua il login al tuo account.
Allegati (0 / 3)
Share Your Location
Categorie Blog
I più letti
Ultimi Commenti
Willy CARTEI posted a comment in Trickline Trip in Santa Monica
Brava ........... tutta lo zio !!!! ...
Grazie per la condivisione Lizz... davvero molto toccante...
Bellissimo evento, complimenti davvero, l'anno prossimo prendero' parte sicuramente!! Ottimo lavoro...

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER PER RIMANERE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOVITÀ

Prenota
il tuo evento!